Mese: dicembre 2014

Note in margine a "Avventure minime" di Alessandro Broggi (Transeuropa, 2014)

Giovanni Turra

Sul piano tematico, l’analisi del quotidiano e dei suoi particolari inappariscenti è, mi pare, la nota elettiva della scrittura di Alessandro Broggi: non semplice spunto o dato occasionale, ma suo principio essenziale, che si sviluppa sia in estensione che in profondità.

In altre parole, l’esattezza emotiva e la profondità psicologica che informano i fascicoli, i paesaggi, gli abstracts di Avventure minime (Massa, Transeuropa 2013) hanno il loro veicolo espressivo privilegiato nell’allestimento di una minutissima partitura di dettagli: una presa rappresentativa del reale tanto più netta quanto più dotata di mobilità analitica.

Di poi, con una lucida intelligenza del dolore e con un pessimismo la cui secchezza respinge ogni compiacimento, l’autore si sofferma nelle cupe stazioni del nostro pellegrinaggio esistenziale. Al riguardo, mi preme rilevare come il sarcasmo non escluda la pietà, il buio non cancelli del tutto la luce, l’ironia non si raggeli mai in ghigno o in maschera.

Continua a leggere “Note in margine a "Avventure minime" di Alessandro Broggi (Transeuropa, 2014)”