Tag: Guerra

Recensione a R.Roversi, "La devastazione di Montecalvo" (Oèdipus, 2011) e "Trenta miserie d'Italia" (Sigismundus, 2011)

Marco Giovenale

La voce di Roberto Roversi si è soffermata recentemente su due diverse storie, una in forma di racconto e una come sorta di lungo vocativo o invettiva risentita e insieme lunare. La narrazione in poesie brevi uscita per Oèdipus, a cura di Ciro Vitiello, ha per titolo La devastazione di Montecalvo, si ferma su una data precisa, il 1944, e porta un sottotitolo esplicito: «Macerie / miserie / pensieri / dal fiume / del tempo». Il “vocativo” è invece quello delle Trenta miserie d’Italia, sequenza di poesie pubblicata dalla Sigismundus di Davide Nota. Quella delle Miserie è una sezione del lungo poema a cui Roversi da quasi tre decenni attende: L’Italia sepolta sotto la neve. Le Trenta miserie d’Italia ne costituiscono la sezione conclusiva, quarta, dunque cruciale. Negli anni, per frammenti staccati, il poema è uscito in edizioni parziali e su riviste. Si è poi compiuto – ed è stato stampato in tiratura limitatissima per AER – nel 2010.

In una nota di prefazione a un altro libro roversiano (del 1981, a ridosso dell’inizio dell’avventura dell’Italia sepolta), Massimo Raffaeli osservava Continua a leggere “Recensione a R.Roversi, "La devastazione di Montecalvo" (Oèdipus, 2011) e "Trenta miserie d'Italia" (Sigismundus, 2011)”

Annunci

Recensione a Franco Buffoni, "Guerra" (Mondadori 2005)

Stelvio Di Spigno

Bisogna ammettere un certo sgomento rispetto a un libro dall’ampiezza colossale come Guerra di Franco Buffoni, ultimo lavoro poetico di un autore che nell’ultimo decennio è cresciuto più notevolmente che nei tre o quattro precedenti di pratica poetica. «Guerra» è argomento principe dei nostri giorni. Quello che analizziamo, invece, è un libro di circa duecento pagine di testi poetici, Continua a leggere “Recensione a Franco Buffoni, "Guerra" (Mondadori 2005)”

La prima volta con Franco e altre letture

Marco Simonelli

Dieci anni di Buffoni letti da un nipote

Con questo intervento, sviluppato in occasione dell’uscita del libro Zamel, chi scrive si propone di fissare una testimonianza intorno all’opera di Franco Buffoni. Credo sia opportuno specificare fin da subito la natura di questa riflessione puntualizzandone il carattere parziale: la mia età anagrafica coincide più o meno con gli anni di attività poetica pubblica di Buffoni e sarebbe inutile esprimermi in merito a ciò che egli ha prodotto negli anni precedenti il mio incontro con la sua scrittura. Intendo limitarmi ad esporre una esperienza personale: il rapporto di un giovane lettore che da più di dieci anni segue fedelmente uno dei suoi autori preferiti.

Continua a leggere “La prima volta con Franco e altre letture”