Tag: Nicola Ponzio

Una nota su Abracadabra

di Nadia Agustoni

Nella sua bella postfazione a quest’ultima raccolta poetica di Nicola Ponzio, Renata Morresi si domanda: “Cosa anima questa inaudita profanazione dei mondi fiabeschi?” Se lo chiede non poco sconcertato anche il lettore. Confesso di essere arrivata alla fine del libro senza una risposta in mano. Si erano però aperte varie questioni e nessuna di facile risoluzione. Dirò subito che l’autore, bravissimo, è davvero abile nel non concedere alcun bandolo salvifico e ci lascia lì a sbrogliarcela da soli. I mondi fantastici trattati da Ponzio sono tantissimi e l’elenco finale dei ringraziamenti testimonia la cura della sua ricerca tra autori conosciutissimi come Andersen e i Grimm, Calvino e Collodi, Afanas’ev, Steiner, Propp e molti altri. Abbiamo un catalogo delle favole che si legge come il negativo di tante fotografie. Continua a leggere “Una nota su Abracadabra”

Annunci

Recensione a Nicola Ponzio, Gli ospiti e i luoghi (Nuova Editrice Magenta, 2005)

Giampiero Marano

 

Nicola Ponzio pubblica la sua raccolta d’esordio, Gli ospiti e i luoghi, all’età di quarantaquattro anni. In effetti, e sia detto prescindendo dal semplice dato biografico, una peculiarità certa di questo poeta è la paziente determinazione nell’attendere, o meglio nel costruirsi il momento indiscutibilmente giusto per parlare, soppesando in modo quasi ossessivo le parole, la loro collocazione nello spazio geometrico del verso. Continua a leggere “Recensione a Nicola Ponzio, Gli ospiti e i luoghi (Nuova Editrice Magenta, 2005)”

Recensione a Nicola Ponzio, "Gli ospiti e i luoghi" (Nuova Editrice Magenta, 2005)

 

Massimo Orgiazzi

Tra la considerevole produzione letteraria che ci è dato di affrontare, incontriamo pubblicazioni di poesia il cui percorso è fortemente intriso di citazione, recupero, trasposizione. Molte di esse sono concepite in questo modo per darne un aspetto colto e spesso vi si avverte una componente artificiale, di fattori giustapposti e non bene integrati. Poche altre sono le opere che sanno fare della scrittura un lavoro autentico e al contempo profondo, capace di ospitare; di essere plurali e di cogliere, con modestia ma onestà intellettuale, un respiro ampio di tematiche che rendono l’ensemble un proficuo grano di attualità dell’umano. Una di queste è senz’altro l’opera prima di Nicola Ponzio, poeta e artista visivo. Continua a leggere “Recensione a Nicola Ponzio, "Gli ospiti e i luoghi" (Nuova Editrice Magenta, 2005)”